Del mare la distanza: su MusicTracks

Che ci si trovi di fronte a un disco dalle aspirazioni importanti si capisce fin da subito. Fin dalle prime battute di Aaminah, la prima traccia, che tra elettronico e analogico non lesina in pathos. Arriva poi Se mai provassi a dirti, scelta anche come singolo di presentazione del disco, che recupera costruzioni elettroniche con assonanze new wave, senza perdere in forza evocativa.

C’è una malinconia serena e quasi metallica che caratterizza Vicino, nell’attesaCanto di non ritorno approfondisce i discorsi elettronici in sensi oscuri, sviluppando poi una rigogliosa sottofauna di suoni e di inquietudine.

Amor Fati apre con percussioni che arrivano da lontano, con qualche indizio di mitologia egizia e con una certa aggressività che si scarica nel corso del pezzo. Si chiude con Gassa d’amante, sorgere sintetico con ritmi quasi techno.

Sei tracce per un discorso omogeneo: l’album di Miro Sassolini, seppur frutto della collaborazione di molte mani, raggiunge un’uniformità sonora figlia di personalità forti. Il disco è potente e suona forte, a ribadire qualità di alto livello.

Fabio Alcini, MusicTracks

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...