Del mare la distanza: su Rockerilla

Respiro profondo, elegante e sensuale, sonorità impalpabili, maestose e oscure, linee melodiche suadenti e spigolose: i bassi di Maroccolo sono sotterranei e fascinosi come ipnotici profumi notturni, o pulsanti come un’attrazione vertiginosa verso un “gorgo oscuro”. Le chitarre, eco ruggente, voce malinconica e arcana, associate ai synth di Cristiano Santini e Federico Bologna, autori delle musiche, si fanno suoni nostalgici e pungenti come un cielo di stelle appuntite. I versi di Monica Matticoli cantano “temporali nelle ossa”, distanza e perdita, distacco e pazienza del ricordo e dell’attesa.

Ambrosia J.S. Imbornone, Rockerilla, settembre 2017

21150476_1540897092644625_1059453372523377000_n

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...